29 November 2016

Giappone andata e ritorno

e mentre l'acqua bolle in pentola – dopo tanto riso, stasera spaghetti al pomodoro – faccio mente locale e riorganizzo pensieri, ricordi, fotografie da condividere qui, del nostro viaggio in Giappone. stagione, sempre autunno. giorni, troppo pochi! base, un microappartamento nella metropoli dei miei sogni, Tokyo. siamo rientrati da una settimana e comincio a superare gli effetti del fuso orario – chissà perché, all'andata è sempre più semplice!
siamo rientrati da una settimana e sembra trascorso già molto tempo ma i profumi del Giappone continuano a perseguitarmi tra le calli di Venezia. forse l'odore dell'autunno, dei primi freddi pungenti, ha delle note in comune anche a migliaia di chilometri di distanza.
di nuovo, è stato un po' come tornare a casa, sentire il cuore che si ricompone con la sua metà lontana. Ho cercato la familiarità dei posti che amo dai tempi dell'università, ho esplorato qualche angolo nuovo di Tokyo – per motivi...gastronomici – ho fatto una capatina a vedere il monte Fuji 'alla giusta distanza' ed ho ritrovato i vecchi amici. sono sempre loro che rendono tutto speciale. quello che continuo ad amare visceralmente e che non cambia mai, è la cura per i dettagli, la dedizione anche nelle più piccole cose. ristoranti minuscoli con appena qualche tavolo dove ogni sapore è studiato, armonia perfetta di consistenze diverse e contrastanti. quello che mi sconvolge sempre è l'affollamento dei treni – d'altronde, è una metropoli per qualcosa! - che ha scombinato alcuni dei miei piani...

comincio oggi con qualche atmosfera giapponese perché c'è cosi tanto da raccontare che sono ancora incerta se procedere per temi, per luoghi o per giornate! quello che so per certo è che un paio di locali in cui sono stata meriteranno dei post dedicati, perché ho avuto delle interessanti 'sorprese' senza glutine!

Il parco di Inokashira a Kichijouji: affollatissimo nei weekend di sole, durante la settimana è un'oasi di tranquillità per riprendersi un po' dai ritmi della metropoli. 

la danza di un cormorano che si sgranchisce le ali a fine giornata

asagao in fiore

il monte Fuji visto dalla città di Ootsuki. purtroppo con la mia macchina fotografica la resa non è delle migliori, ma lui era lì. si è fatto desiderare un po' ma con il passare delle ore le nuvole che lo coprivano la mattina si sono 'sedute' liberando la vista. ah, la scalata del Fuji è la mia attuale fissazione

la meraviglia dei colori dell'autunno giapponese

atmosfere di campagna!

si ritorna nella metropoli con il nuovo simbolo di Tokyo - nonché meta di innumerevoli visitatori - il Tokyo Skytree, l'ho fotografato da varie angolature, ma sempre tenendomi un po' a distanza perchè si sa, se ci vanno le folle, io scappo dall'altra parte!

nel dedalo di viuzze di Harmonica Yokocho a Kichijoji. se cercate un locale dove trascorrere la serata, qui avrete l'imbarazzo della scelta

26 September 2016

Summer album

la micia che prende il sole in finestra è un po' l'essenza delle nostre estati
anche quest'anno l'estate è passata ed io non sono riuscita a mettere i piedi in mare neppure una volta...me ne assumo piena responsabilità, anche se sospetto c'entri il fatto di aver dovuto affrontare cambiamenti (ed io sono sostanzialmente refrattaria al cambiamento!) che mi hanno un po' prosciugata di energie.
la voglia di fare è tornata da che abbiamo prenotato il volo per il Giappone - già, un viaggio toccata e fuga di 12 giorni che so già mi daranno la carica per 12 mesi - oggi completata la richiesta per il Jrpass, mandata mail per l'appartamento (attendo fiduciosa), lascio a qualche foto e a poche parole il racconto di un'estate che è trascorsa un po' in sordina, tra giornate lavorative interminabili e troppo poco tempo libero.


una passeggiata di fine maggio tra le calli di una delle zone ancora meno invase di Venezia, Cannaregio, tra la Misericordia e la Madonna dell'Orto, con opere d'arte a cielo aperto, gatti che si godono il fresco dei masegni e una serra che è un tesoro nascosto della città.




La Serra alla Misericordia è uno di quei posti che a Venezia non ti aspetti
e un po' inaspettato è anche questo fiore di zucca che pende dal muro di cinta di un giardino...e di giardini nascosti la città è davvero piena


Pichan che al sole fa effetto lucido da scarpe!


quando l'afa si è un po' smorzata, ci siamo regalati un pranzo da Frary's, il ristorante arabo/greco di cui ho già scritto, che offre molti piatti senza glutine e opzioni vegetariane/vegane. 

classica insalata greca per me

Paolo non resiste allo yogurt greco con miele e noci

La Basilica dei santi Giovanni e Paolo al tramonto
e di ritorno da casa di mia zia a Maser, una tappa obbligata all'Albera di Zeus a Preganziol, per una fantasmagorica pizza senza glutine: quest'anno ho riscoperto una pizza che amavo molto nella sua versione 'glutinosa' (quando non sapevo di essere celiaca, ovviamente) una semplice rucola e grana, sempre di soddisfazione (come la birra!). 



un' immagine del mio viaggio 'Giappone 2010', scattata tra i negozietti sulla strada che porta al Kiyomizu-dera. a Kyoto forse non andremo, questa volta. avremo 12 giorni, fitti fitti temo, dal 6 al 19 novembre. e già penso che il prossimo anno fanno 20 anni esatti dal mio primo viaggio in Giappone, da studentessa, tre mesi che mi hanno fatta innamorare irrimediabilmente. 20 anni che andrebbero proprio festeggiati con un altro viaggio, chissà...!!



09 August 2016

Torta di lamponi e pesche! Ed un po' di rugby ラグビー試合と桃/ラズベリーのリコッタケーキ

29 aprile 2016, Benetton Treviso vs Connacht

少し前のラグビー試合のことですけど、私に初めての試合だったので、3ヶ月経っても更新します!
ちょっと御祝いの夜だったので、パオロの大好きなラグビー選手「Benetton Treviso」
against 「Connacht」のチケットを買ってTreviso市に行ってきて。 次の日は休日だったので、夜遅くまでもokだったからね。
御祝いのことと言ったら、入社してから、ずっと空港のチケット売場にいて通勤時間も長かったし仕事の状態もつらかったけど、3月下旬ぐらい会社のインフォ交換局のため公募が出て応募してみたと言うことです。テストと面接を受けてみて、ついに応募者の中から私が選ばれた。ばんざい!
こう言う御祝いの夜だった!

今の仕事も反復的なところが多いからそんなに面白くないけど、お弁当を食べる机があるなら大丈夫です。
pizza+birra+patatine+dolce senza glutine all'Albera di Zeus

ラグビー試合が終ったら (ところで、勝ちましたよ)、ピザを食べに行った! グルテンなしのピザもあるところを選んで、私も美味しいピザを食べた! ピザだけでなく、グルテンなしのビールもケーキもあったから、満腹!


anche se con un ritardo di qualche mese - ehm... - posto qualche foto della mia prima partita di rugby! da spettatrice ovviamente: Benetton vs Connacht con vittoria nostra visto che posso quasi definirmi mascotte/portafortuna della squadra! l'azione decisiva per la vittoria finale messa a segno (scusate, non conosco la terminologia rugbistica!) dal mio giocatore preferito (chissà perché) Jayden Hayward 

per il dopo partita - così detto terzo tempo - abbiamo fatto tappa alla pizzeria di cui sopra, l'Albera di Zeus a Preganziol, dove ho mangiato la migliore pizza senza glutine della mia vita (ad eccezione di quelle che mi prepara Paolo si intende), una di quelle classiche che ordinavo quando si usciva a mangiare la pizza con i miei, rucola e grana. promossa a pieni voti! tanto che ci siamo tornati altre tre volte e per me che dall'isola qui non mi muovo mai, cenare a Preganziol è un bel viaggetto! oltre alla pizza, ottima birra senza glutine della Wold Top e - non mi pare neppure possibile - patatine fritte VERE!

pizza a parte, da ieri sono a dieta e oggi cosa mi sono pensata di fare? una torta....ancora sperimentale (è venuta buona ma troppo 'bagnata' visto che non ho azzeccato la proporzione liquidi/farine) ricotta lamponi e pesche, ispirata ad una ricetta di Cucina Naturale del numero di agosto 2015. le pesche non le avevo mai prese in considerazione come ingrediente da torte - io sono team mele - ma mi sono dovuta ricredere perché da cotte sprigionano tutta la loro essenza nettarina, passatemi la parola, al meglio!!! 
sono tornata per restare, spero.
e nel frattempo stiamo pensando all'autunno giapponese....
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...